Chi siamo

Forum Regionale per l’Educazione degli Adulti in Toscana

(SCARICA SCHEDA ERASMUS+ PARTNER IDENTIFICATION)

For.Ed.A Toscana è nata nel Dicembre del 2002 con lo scopo di favorire e sostenere il processo di attivazione del sistema integrato dell'Educazione degli Adulti sul piano locale, regionale e nazionale, favorendo la collaborazione fra tutte le istituzioni deputate ai vari livelli territoriali.

E' una Associazione senza fini di lucro che, attraverso le sue attività, si propone di  valorizzare le esperienze e i progetti dei propri aderenti...

E' aperta a tutti i cittadini, ai gruppi e alle associazioni che operano nel territorio toscano nel campo dell'Educazione Permanente e che condividono le finalità che animano For.Ed.A Toscana

Dallo Statuto dell'Associazione.....

...Oggetto Sociale

L'associazione non persegue fini di lucro.

L'associazione si propone di sostenere il sistema dell'Educazione degli Adulti in Toscana, valorizzando le esperienze ed i progetti dei propri aderenti, propugnando la pari dignità di tutte le diverse tipologie di agenti formativi e promuovendo nuove iniziative dirette alla diffusione della cultura della formazione permanente.

...Un impegno particolare: l'intercultura

Intercultura è una parola-concetto e indica un movimento che cerca di mettere in relazione tra loro culture diverse compresenti nella società. Oggi in Italia, come negli altri Paesi europei, l'incontro-dialogo tra i partecipanti delle diverse "culture" è sempre più un' emergenza sociale e culturale, perché l'inedita rilevanza del fenomeno migratorio è tale che può essere fonte di nuove opportunità, ma anche di nuove forme di esclusione; può divenire via privilegiata per politiche di pura gestione del fenomeno o piuttosto per promuovere nuovi livelli di civiltà. E' indubbio che la società della conoscenza, per quanto complessa e difficile da realizzare,  si va affermando  non solo nella scuola e nelle arti ma  anche tra gli "stranieri", tra le culture migranti e quelle autoctone. Dunque, una nuova "poetica" sostenuta dalla componente più attiva della società europea che si rende aperta, attiva nell'accogliere, disponibile al  confronto e al dialogo. Si tratta di un percorso-processo i cui termini operativi non sono solo terreno di conflitti ma anche di prospettiva proprio perché opera per  un nuovo modello di società plurale, a misura di diritti di cittadinanza per tutte e tutti, indipendentemente dal sesso, dall'età e dalla provenienza. Siamo all'interno di un grande processo di trasformazione, che impegna tutti i Paesi europei a realizzare scelte che, muovendo dalla critica dell'etnocentrismo, riconoscano proprio nella "diversità" sia un principio sia un valore. Ed è a tale processo che s'intende fornire un contributo significativo promuovendo la cultura del dialogo e sostenendo quella componente sociale, portatrice di bisogni radicali e di conoscenze nuove.

For.Ed.A. Toscana si costituisce come laboratorio aperto al contributo di un pubblico di donne e uomini, giovani e adulti, italiani e non,  sorretto dagli studi dei suoi ricercatori e dalle competenze tecnico-operative acquisite nell'ambito di progetti nazionali e internazionali, animato da riflessioni e pratiche educative di  meticciamento da organizzare attorno a proposte utili a svolgere una attività complessa comprendente studi, incontri e dibattiti, ricerca e formazione. Naturalmente i capitoli dell'intercultura sono molti, in questa fase diventa centrale il tema dell'integrazione-interazione sociale e culturale e, in conseguenza, il ruolo chiave dell'istruzione e della formazione per tutti i giovani e gli adulti che vivono in Toscana.

...Attività Istituzionali

Per la realizzazione diretta e indiretta del proprio oggetto sociale, l'associazione è tesa a:

- sviluppare e valorizzare i processi di conoscenza, scambio e collaborazione tra gli associati, secondo i  principi di pluralismo, democrazia e solidarietà;

- rappresentare, a livello internazionale, nazionale e locale, nei confronti delle istituzioni, delle forze politiche    e delle altre organizzazioni economiche e sociali gli interessi e le istanze degli enti impegnati nello sviluppo  dell'Educazione permanente, con l'ottica della pari dignità dei diversi soggetti;

- esprimere un continuativo e corale impegno nella lotta contro qualsiasi forma di svantaggio culturale, di  esclusione sociale e di discriminazione economica, razziale, di età e di genere;

- sostenere lo sviluppo dell'Educazione lungo tutto l'arco della vita (lifelong learning) e di ogni altra forma di  attività a valenza socio-educativa, atta ad aumentare le possibilità di apprendimento, di crescita culturale, di  protezione ed inclusione sociale e di lavoro,  soprattutto per i soggetti deboli e svantaggiati;

- promuovere scambi  sulle buone prassi  educative, nella dimensione nazionale e transnazionale, in  particolare nella prospettiva dell'integrazione europea;

- promuovere iniziative di Educazione permanente della popolazione adulta;

- valorizzare i beni ambientali, artistici e culturali delle comunità locali, sia attraverso lo sviluppo di strutture  sia attraverso la formazione degli operatori;

- documentare, produrre e diffondere materiali  a mezzo stampa, audiovisivi e multimediali finalizzati alla  valorizzazione dell'Educazione degli Adulti;

- sostenere iniziative di formazione rivolte a specifiche figure professionali (insegnanti, educatori, operatori  culturali, operatori sociosanitari, operatori dell'ambiente, etc.);

- promuovere scambi educativi tra le diverse figure di operatori;

- sostenere e favorire i processi di sviluppo educativo e culturale delle comunità locali;

- informare ed orientare (anche attraverso il sito internet) l'azione delle associazioni e delle agenzie aderenti  sui finanziamenti regionali, nazionali e comunitari per i progetti e i programmi di intervento.